Template Joomla scaricato da Joomlashow

  • PDF
  • Martedì 29 Settembre 2009 08:30
  • Ultimo aggiornamento Martedì 29 Settembre 2009 09:13
  • Scritto da David Guanciarossa

Consigli di installazione

É bene in genere far ricorso ad una ditta specializzata, salvo forse per l'installazione di un piccolo supporto su di un tetto piatto. Di solito, infatti, anche i tetti più bassi sono abbastanza alti, e una degenza in ospedale dopo esser precipitati di sotto può essere troppo lunga per un audiofilo impaziente di ascoltare il suo bravo tuner nuovo, il quale improvvisamente, anzi, diverrebbe oggetto di sincere maledizioni. Nelle grandi città, poi, con palazzi di dieci piani... è proprio meglio lasciar perdere.

In effetti, parlando seriamente, gli operai delle ditte del ramo assicurano migliori risultati riguardo alla solidità e durata dell'installazione; inoltre un'antenna mal fissata all'asta può ruotare per effetto per vento (trascurando poi l'eventualità di trovarsela in giardino o in strada).

I due migliori tipi di cavi per buone installazioni di antenne sono i cavi coassiali da 75 ohm e la piattina isolata da 300 ohm. Il primo tipo consiste in un conduttore interno, isolato, ricoperto da una guaina metallica, isolata a sua volta all'esterno, con un'impedenza nominale di 75 ohm. Se l'impedenza d'entrata del vostro tuner è di 75 ohm, questo è un cavo che si addice perfettamente alla vostra installazione dell'antenna FM.

La piattina da 300 ohm può essere di due tipi. Il più diffuso è il tipo di piattina isolata standard, costituito da due conduttori paralleli separati da materiale isolante; si tratta del cavo di cui abbiamo parlato nella costruzione dell'antenna dipolo. Esiste poi la piattina schermata: i due cavi sono ricoperti interamente da una guaina di materiale conduttore, che va collegata alla massa del tuner. Bisogna usare questi cavi quando l'impedenza d'ingresso è di 300 ohm.

Molte antenne hanno un'impedenza di 300 ohm, ma vi è incorporato un trasformatore 300/75 ohm: se l'ingresso è da 75 ohm basta adottare il cavo coassiale; se è invece da 300 ohm si potrà chiedere all'installatore di sopprimere il trasformatore e adottare una piattina da 300 ohm, ma si avranno in generale dei problemi.

Di solito nelle installazioni individuali, e sempre in quelle collettive, il cavo di discesa dell'antenna trasporta i segnali AM, FM, TV 1° e 2° canale. Per connettere tale cavo ai vari apparecchi bisognerà impiegare prima un separatore TV-radio, poi un separatore AM-FM, che dovrà avere l'uscita FM adatta all'impedenza del ricevitore (75 o 300 ohm).

Non è molto semplice tutto ciò, ma tutto sommato a voi interessano poco questi dettagli: basterà indicare al tecnico l'impedenza dell'antenna e dell'entrata del tuner, al resto penserà lui: se poi non riuscirete a captare nulla... cambiate ditta installatrice!

Un ultimo problema è quello delle zone-d'ombra create da elementi naturali o artificiali (rilievi del terreno o grandi fabbricati in cemento armato): l'amatore è impotente contro di esse, può solo rivolgersi alla stazione trasmittente... e cominciare a pensare di cambiare abitazione.



Inizio pagina Indietro