Ing. Guanciarossa David- Web Designer
Via Flaminia
Fano
Fossombrone
Furlo
Acqualagna
Cagli
Pontericcioli
Scheggia
Sigillo
Fossato di Vico
Gualdo Tadino
Nocera Umbra
scheggia.jpg (187911 byte)

Antico insediamento degli Umbri era collocata in un nodo viario ai confini tra le Marche e l'Umbria. Durante l’occupazione romana fu l’importante stazione d’Ensem, lungo la Flaminia.
Nelle sue vicinanze sorgeva il tempio di Giove Appennino, citato nella tavola
Peutingeriana , probabilmente situato nei pressi della contrada Piaggia dei Bagni.
Nell’alto medioevo fece parte del corridoio bizantino, dove confluiva la direttiva di Roma -Ravenna proveniente da Perugia e Gubbio.
In questo periodo scompaiono il nome e la stazione d’Ensem, sostituita dalla vicina Luceoli (Cantiano) che sarÓ distrutta dalle invasioni saracene (a.840) e ungare (a.915).
Ricostruita nell'XI secolo, prese il nome di "Schiza", ovvero legno scheggiato.
Pass˛ sotto i Ghibellini di Gubbio per donazione di Federico I, riconfermata da Enrico IV e da Ottone IV.
Il castello di Scheggia, nonostante le donazioni imperiali ,non rimase a lungo sotto l'influenza del comune di Gubbio .Infatti giÓ agli inizi del 1300 apparteneva all'abbazia di S.Croce di Fonte Avellana e poi divenne libero comune.Dal 1384 pass˛ con Gubbio con i Montefeltro d'Urbino e poi nel 1631 allo Stato Pontificio